I meccanismi di difesa

I meccanismi di difesa

Quando si tratta di vivere una vita senza stress, senza emozioni negative come ansia o preoccupazione, uno dei capisaldi che ci trattiene dal farlo sono i nostri cosiddetti meccanismi di difesa.

Tutti vorremmo eliminare questi meccanismi di difesa, ma per farlo dobbiamo prima prenderne coscienza.

Dobbiamo infatti diventare consapevoli:

  1. di quali si applicano a noi e
  2. in quali situazioni li stiamo utilizzando.

 

In letteratura esistono tredici diversi meccanismi di difesa e li elenco qui sotto per te in modo che tu possa diventare più consapevole e iniziare a eliminarli.

I 13 meccanismi di Difesa

  1. Necessità di armonia: non essere in grado di sopportare il conflitto, sentire il bisogno di mitigare i conflitti tra parti. Cercare di far sentire le persone a proprio agio (anche a spese proprie).
  2. Necessità di controllo: non essere in grado di lasciar andare. Dover controllare la situazione. Dipendenti dalla gestione di dettagli infinitesimali. Essere stressati dal caos e quando non c’è ordine. Troppi pensieri.
  3. Necessità di perfezione: non sentirsi abbastanza bene a meno che non si fornisca un lavoro perfetto. Un modo per nascondere le insicurezze non permettendo agli altri di vedere attraverso le crepe.
  4. Attacco: quando ti senti inferiore o insicuro e tendi ad attaccare. Quando attaccato, riattacca. Spesso le critiche al proprio lavoro possono innescare un “Attacco”.
  5. Sopprimere la realtà (intorpidimento): viene spesso attivato quando ci si sente sopraffatti dalla realtà o dai problemi. Una fuga a breve termine è fornita fondamentalmente distraendo se stessi dalla realtà.
  6. Vittimismo: ritrarre se stessi come la vittima. Un tentativo inconscio di ottenere attenzione, amore e protezione.
  7. Sindrome della crocerossina: l’urgenza di aiutare gli altri in qualsiasi situazione. Viene da una sensazione di fondo di non essere abbastanza bravo. Aiutando gli altri ti senti temporaneamente bene con te stesso.
  8. Bisogno di potere: un modo per compensare il sentirsi impotenti. Guadagnando potere sugli altri la sensazione di impotenza viene soppressa in breve tempo. Tuttavia, riemerge rapidamente e la necessità di più potenza ritorna.
  9. Fuga/essere soli: deriva da una sensazione di impotenza nei confronti dei propri problemi (personali e interpersonali). Scappare dal problema dà sollievo a breve termine ma non risolve il problema. Con il risultato che la persona corre sempre più lontano dai problemi mentre continuano ad accumularsi.
  10. Fuga nella dipendenza: si applica a qualsiasi comportamento di dipendenza come fumo, droghe, alcol, cibo, gioco d’azzardo, ma anche lavorare troppo. Dà un temporaneo rilascio dallo stress.
  11. Narcisismo: si sviluppa nella prima infanzia quando il bambino riceve solo amore e quindi pensa che sia più speciale e amato di qualsiasi altro bambino. Oppure riceve a malapena l’amore e quindi deve dare a se stesso l’amore che brama.
  12. Mentire / recitare (gioco di ruolo): un modo per indossare una maschera e non doversi esporre. Un modo per nascondere i propri difetti al mondo e alle altre persone.
  13. Rimanere bambino: un modo per sfuggire alla realtà sentendosi e comportandosi anche come un bambino e quindi senza volersi assumere alcuna responsabilità. Quando vuoi che gli altri si prendano cura di te e prendere decisioni diventa impossibile. Questo significherebbe chiedere sempre consiglio agli altri e non sapere mai cosa è giusto e cosa è sbagliato.

 

Mediamente ognuno di noi ha tre meccanismi preferenziali che impattano sulla qualità di vita, sui livelli di stress e di successo personale.

Come ho scritto all’inizio è utile sapere di quali si tratta. Preso consapevolezza del problema sarà più facile trovare una soluzione perché avremo delle priorità chiare e avremo ristretto il campo facilitando un lavoro mirato.

Potrebbero essere 13 temi da portare in sessione con E.F.T. come descritto nel precedente articolo: La gestione delle emozioni con E.F.T..

Come sempre ricordo che l’auto-aiuto va bene per chi sta mediamente bene e non soffre di patologie che richiedono l’intervento di un medico.

Approfondisci

Articoli correlati

Sospendi il giudizio

Giudicare sé stessi e gli altri è un’abitudine che ci allontana da gioia e gratitudine.Ecco che una sospensione del giudizio facilita il benessere e la crescita personale

Leggi articolo »

Su questo sito utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file
(cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire
il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report
sull’utilizzo della navigazione (cookie di statistica) e per pubblicizzare
adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo
utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o
meno i cookie statistici e di profilazione
. Abilitando questi cookie, ci aiuti a
offrirti un’esperienza migliore
.